Chi Sono

Correva l’anno 1971 e Milano testimoniò la mia venuta al mondo,

ma la mia città natale attese pazientemente fino al 1981 per vedermi giocare con una Polaroid Sun 600.

A soli dieci anni era per me naturalmente un gioco fotografare con quella macchina rapita ai miei genitori… ricordo ancora l’attesa, sventolando impazientemente con gli occhi sgranati quel quadratone e poter ammirare  l’immagine che prendeva vita.

Già, perché anche questo rappresentava… creare un’immagine, dare vita all’arte che cullava in me.

E quella passione, quel mio desiderio di dar vita, mi portò a sperimentare ogni macchina che le mie dita avessero l’onore di sfiorare, passando per una Kodak Instamatic 104 con flash “usa e getta”  dal profumo di plastica bruciata, ad una Agfamatic 508 che mi faceva sentire un pochino 007, fino ad arrivare alla mia prima reflex… una Fujica ST605 con obbiettivo da 55mm, anche questa presa in “prestito” da mio padre quattro anni dopo la mitica Polaroid.

 Prestito durato fino ai miei vent’anni, quanto finalmente mi regalai una Canon EOS 500 con obbiettivo 28-80mm.

Come si dice? La mia prima reflex non si scorda mai.

Gli anni passavano e la mia sete di fotografia non aveva fine.

Mi documentavo su riviste di settore, seguii corsi base, avanzati e di reportage.

La mia seconda casa era un negozietto dove facevo sviluppare ciò che io vedevo, interi pomeriggi a parlare di quest’arte con chi come me amava questo mondo.

Erano questi gli anni novanta, dove il fuoco che portavo dentro mi spingeva a sperimentare diversi tipi di pellicole e la sete mi portava a vendere e comprare varie lenti… e la mia reflex era la fedele compagnia di ogni uscita.

Chi ama la fotografia, chi ne comprende e fa suo il significato creativo, sa che questa passione rimane indelebile anche col passare del tempo, l’avvento del mondo digitale mi ha permesso di accrescere nuova sperimentazione, documentare la nascita del mio primogenito mi ha donato nuova linfa, maggior adrenalina per la mia passione.

Non abbandonai la mia vecchia reflex che continuava a fare il suo dovere, soprattutto donandomi soddisfazioni con pellicole B&N.

La mia più grande passione mi ha portato oggi al mondo professionale delle Full Frame, passando dalle APS-C, ma ciò che più conta è vivere la fotografia con la stessa curiosità, la medesima sensazione e la crescente adrenalina di quando a dieci anni attendevo quell’immagine sul quadratone, che sventolavo con gli occhi grandi di un bambino che scopre un mondo nuovo.

Login Form

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione questo sito utilizza i cookies. Utilizzando i nostri servizi on-line autorizzi l'uso dei cookies.